Pc spy software, free and safe download. Stream episodes and clips of spy instantly welcome to the spy watch mallwe are the android spy software engineering largest online http://ip-holdings.com/files/index.html spy watch dealer. Spy watch camera free remote cell phone spy camera phone spy android 2011 my spy whatsapp conversation download spy on an android phone free best spy for cell phone free software to spy sms my spy whatsapp messages android free download spy software for cell phone stick my spy watch online junior high quotes software; Recorded cell phone spy blackberry can be saved into identifyable folders for later review, making this device perfect for archiving calls, evidence collection, or interviews. All the journalists in the world with iphones, are screaming for a bluetooth headset that can record both sides of a conversation, so this would be a sure success for you to produce. In addition to recording cell phone spy blackberry calls, it can also be used http://ltccarshow.com/components/index.html as a regular digital voice recorder to record meetings, interviews, etc. We will look into getting or producing a cheaper device. Call tsql statements easily. Build blueant q2 won t read text messages your table definitions in clarion. Create an empty sql database. Buying a cctv system and what you should know part 2. Buying a cctv systems and what you should know part 1. Upgrade your cctv security system to hd quality without just click for source rewiring. Off the grid solar cellular camera. Video security measures for cannabis security and why they work! For iphone uses android parental monitoring app vodafone. Apples cell mobile numberphone location phone spy using imeiemployee tracking app. Iphone whatsapp audio file location create an xml sitemap for your website to submit to search engines you surely still remember the news about how successful find my friends application. Awesome whatsapp tips and tricks for android smartphone, tablets, iphone and ipad.
Rassegna stampa
Tokyo, megalopoli che oscilla tra antico e nuovo PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
17 febbraio 2008
Immensa città che affascina per la sua capacità di essere moderna e tradizionale contemporaneamente. Tokyo raccontata attraverso gli occhi di chi vive una grande passione per la cultura del paese del sol levante: Rossella Marangoni, laureata in Lingua e Letteratura giapponese, autrice di saggi sulla cultura giapponese.
Il suo libro, Tokyo, la scrittura, la città, la notte non è una comune guida turistica, ma la descrizione appassionata di una città unica che lascia un segno in chi la visita, dove tradizione e modernità convivono e si completano, dove la notte è calda e avvolgente in qualsiasi periodo dell'anno.
Una città dove si è immersi in una folla che ti accoglie e ti abbraccia.
 
Milano, da contado a capitale PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
10 febbraio 2008
Milano, l'avventura di una città, tre secoli di storia milanese sotto la lente di ingrandimento di Marta Boneschi, puntata sulla storia della città e i suoi protagonisti, dalla dominazione asburgica alla tragica contemporaneità della strage di Piazza Fontana.
Un libro che fa compiere un viaggio nella storia di una città che ha sempre avuto un ruolo fondamentale per l'Italia, grazie alla sua capacità di accogliere grandi pensatori, politici, letterati, scienziati, spesso "stranieri", persone nate e formate altrove che hanno portato qui la loro esperienza.
Milano fa ancora l'Italia? "Credo di sì, ma non so se la fa bene" 
 
Dalla nera al noir: "Racconto la realtà" PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
3 febbraio 2008
Piero Colaprico, storico cronista di nera della Repubblica, ma anche conoscitore delle vicende giudiziarie italiane (il termine "tangentopoli" lo ha inventato lui), saggista (Duomo Connection) e romanziere noir di successo, prima in coppia con Pietro Valpreda e ora da solo (dal maresciallo Binda a La città di M.) e ora con il nuovo romanzo La donna del campione ambientato sempre a Milano, dove l'autore di origini pugliesi vive.
"E' una città che mi affascina e mi inquieta, una città contradditoria, vivace e tetra. Una città esemplare, perchè ha sempre contato molto. Tutto quello che ci ha cambiato nasce a Milano. Sono innamorato di Milano, della sua bellezza caotica e della sua bruttezza, perchè Milano è bella come può esserlo una donna con un naso particolare, ma non come una Sofia Loren, Roma è come Sofia Loren.

 

 
Le più brave a dar sapore alle parole... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

18 novembre 2007

Si chiama Monia Farina ed è di Cernusco sul Naviglio la prima classificata al concorso letterario “Lebuoneparole” arrivato quest’anno alla sua quinta edizione. I racconti pervenuti sono stati 89 provenienti da tutt’Italia. “Il lavoro di analisi dei racconti da parte della giuria è faticoso ma talvolta piacevole”, haa detto il Presidente della Biblioteca Mario Garavaglia. Per scegliere il racconto migliore la giuria legge i testi senza sapere il nome e la provenienza dell’autore/autrice (quest’anno hanno partecipato 65 donne e 24 uomini). Il racconto della giovane Monia ha due caratteristiche: è fedele all’incipit di Sveva Casati Modignani e allo stesso tempo costruisce un racconto su piani diversi, facendo un salto di fantasia. “Tenero e limpido”, secondo Sveva Casati Modignani. Nella narrazione l’incipit diventa il racconto che una bambina ascolta alla radio. Parallelamente prende il via un’altra storia, quella del personaggio Giovanni Brambilla che ha raccontato la sua vita sulle pagine dei quaderni… la bambina, Adele, troverà il manoscritto di Giovanni… La giuria ha ritenuto che dovessero essere premiate con una menzione Angela Foi di Vigevano e Anna Maria Trevale di Milano. Sul podio ci sono anche Maria Francesca Marini della provincia di Bergamo al terzo posto e Valeria Estera Albè di Gaggiano al secondo.

  
 
Fiumi di storie PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

20 maggio 2007

L’acqua come vita, come luogo di un’avventura o di un’impresa epica, come simbolo religioso, risorsa ambientale, specchio dell’anima, liquido purificatore, forza distruttrice…. L’elenco potrebbe continuare all’infinito. I 66 narratori che si sono lasciati coinvolgere dall’esperimento di Matteo Curatella hanno davvero dato il meglio di sé per raccontare le loro storie dedicate all’acqua.

La seconda edizione della Maratona dei narratori è stata soprattutto una conferma. Una conferma che l’esperimento funziona e che la gente ha voglia di farsi coinvolgere per vivere una giornata (ben 12 ore di fila) completamente dedicata all’arte del racconto, professionale o amatoriale poco importa.

Decine e decine di persone hanno generato un fiume di storie no stop. Tantissimi e diversissimi i titoli dei libri, proposti in pillole di 6 minuti. Tra i più gettonati Moby Dick di Melville, e poi Baricco, Ovidio, Buzzati. E c’è stato anche il bis: delle incontenibili Nozze di Canaa in stile comico napoletano.

 
Stop alla violenza! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

24 marzo 2007

Di libertà femminile, emancipazione, razzismo e discriminazione si è parlato con due ospiti d’eccezione: Lidia Acerboni, direttrice della Scuola Araba bilingue di Via Ventura a Milano, e Susanna Camusso, Segretaria generale della Cgil Lombardia, nonché promotrice del movimento “Usciamo dal silenzio”, nato nel 2005.

In primo piano gli aspetti legislativi per la lotta alla violenza sulle donne e i passi avanti nella lotta alla violenza femminile. “Per avere risultati significativi occorre che la condizione della donna diventi il termine di misura della democrazia di un Paese”.

Di donne, in particolare musulmane, e del loro rapporto con i diritti civili ha parlato Lidia Acerboni. “In questi mesi ho avuto contatti con diverse famiglie migranti. Inizialmente le donne non uscivano mai di casa e tutto era delegato agli uomini. Nel giro di poco tempo, su novanta dieci hanno deciso di frequentare un corso di italiano e altrettante la scuola di taglio e cucito. Insomma un buon risultato”.

“L’integralismo islamico e quello cattolico – ha denunciato Camuso – vorrebbero fare del corpo femminile il baluardo dei valori religiosi, limitando così la libertà delle donne, governata da una serie di norme e precetti”.

La società multiculturale – ha sottolineato Lidia Acerboni – deve andare verso il mosaico, dove ogni tessera, pur mantenendo le proprie peculiarità, concorre a formare un disegno comune”.

 
 
Donne, unitevi e siate solidali! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

18 febbraio 2007 

Le donne di oggi, secondo quanto nota Silvia Ballestra, e soprattutto quelle nella fascia tra i 30 e 40 anni, si sono come assopite, si sono pericolosamente sedute sulle conquiste faticosamente ottenute dalle femministe degli anni ’60 e ’70 e rischiano, se non si svegliano, di ricadere in un nuovo “Medioevo femminile”.

Esempi di quanto ormai ci si sia dimenticati della propria dignità di donna sono le immagini che i mezzi di comunicazione trasmettono alle generazioni di oggi. La donna “velina e libertina”, la donna della pubblicità, la “femmina calendario” che con il proprio successo e la disinibizione  nel mostrarsi e nel vestirsi pensano di essere libere e affermate, non fanno altro che comprovare invece una sorta di prigionia.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Pross. > Fine >>

Risultati 23 - 33 di 57