Martedì, 15 Ottobre 2019 07:29

IN PRIMA LINEA CONTRO LA FAME NEL MONDO

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Iniziativa Donna e l’Amministrazione comunale di Abbiategrasso, con il Cesvi, dal 15 al 23 ottobre 2019 presso la Biblioteca Civica Romeo Brambilla (primo piano) e durante la maratona dei narratori sarà allestita la mostra fotografica

 

È una mostra volta a sensibilizzare sul purtroppo ancora oggi diffuso dramma della fame nel mondo e a raccogliere fondi in favore dei progetti Cesvi su questo tema.

 

795 milioni di persone, soprattutto bambini, non hanno cibo a sufficienza
161 milioni sono i bambini con meno di 5 anni che soffrono di malnutrizione cronica

 

Le cause della fame nel mondo sono molto più complesse di quanto si pensi. Alla base della carenza di cibo ci sono elementi connessi allo sviluppo economico, ai sistemi sanitari e allo sviluppo sociale; alla mancanza di strade e infrastrutture; al cambiamento climatico e alle calamità naturali; ai conflitti e alle discriminazioni di genere.

Cesvi lotta da anni contro la fame con progetti di sviluppo nel Sud del mondo – basati su un approccio integrato al problema - e campagne di sensibilizzazione nel Nord del mondo. Le attività sul campo sono incentrate sulla promozione di una corretta nutrizione, sul diritto e l’accesso alle risorse, in particolare all’acqua, sullo sviluppo agricolo e l’aumento della produttività mediante la diversificazione delle colture e l’introduzione di nuove tecnologie.

È fondamentale lavorare anche sul rafforzamento del ruolo della donna come punto di riferimento familiare e motore di cambiamento. Si stima che, se le donne avessero un accesso alle risorse pari a quello degli uomini, il numero di persone affamate nel mondo diminuirebbe di almeno 150 milioni.

Nell’estremo sud dello Zimbabwe esiste una piccola località, chiamata Maramani, dove la terra è secca e arida… ma la prosperità non è impossibile!

Attraverso l’installazione di un sistema di irrigazione che trasporta l’acqua dal vicino fiume Shashe, abbiamo coinvolto 272 donne e le loro famiglie nella coltivazione di 90 ettari di terreno dove si producono arance!

Grazie a voi tante altre famiglie potranno ricevere il proprio pezzo di terra e 50 piantine di arancia da coltivare e il vostro aiuto si trasformerà in un’importante fonte di cibo e lavoro per tante donne!

 

 

Letto 69 volte Ultima modifica il Martedì, 15 Ottobre 2019 08:15
Altro in questa categoria: « SOGNANDO IL DOMANI